top of page

Welfare aziendale: cosa si intende e che servizi include

Aggiornamento: 14 gen

Il benessere del dipendente è una delle principali leve delle produttività all’interno di un’azienda. È chiaro che una persona soddisfatta risulta più motivata e, di conseguenza, lavora con maggiore impegno. Per questo motivo ogni azienda dovrebbe investire sul welfare aziendale, ossia su soluzioni orientate a migliorare le condizioni dei collaboratori sia all’interno del contesto lavorativo che nell’ambito privato.


Il concetto di welfare risale agli anni Venti, quando si pensava ad un welfare pubblico (welfare state) in cui lo stato implementasse delle politiche sociali a favore dei propri cittadini. Nel corso del tempo, anche le aziende hanno adottato politiche di welfare, ossia una serie di interventi e benefit per integrare la retribuzione dei dipendenti.


Contenuti dell'articolo:


Welfare aziendale: cosa si intende e che servizi include

Significato di welfare aziendale


Per comprendere meglio il significato di welfare aziendale, partiamo dalla traduzione di welfarebenessere. Il termine, infatti, deriva dall’espressione inglese to fare well, cavarsela bene.


Ma cosa si intende per welfare aziendale?


Il welfare aziendale indica i benefit e le prestazioni erogate dall’azienda a favore dei propri dipendenti. Concedendo beni e servizi ulteriori oltre alla retribuzione, l’azienda migliora la condizione del dipendente e offre un sostegno ulteriore al reddito. 

Con l’espressione welfare si fa riferimento a una serie di iniziative di diversa natura che il datore di lavoro può scegliere di attivare, come:


  • rimborso spese

  • beni

  • prestazioni al dipendente e ai suoi famigliari

  • voucher

  • buoni pasto

  • convenzioni

  • sanità integrativa

  • incentivi per il tragitto casa-lavoro


In genere, è l’imprenditore che attiva servizi e benefit a seconda della popolazione aziendale. 


Le politiche di welfare aziendale si stanno evolvendo di pari passo ai concetti di benessere organizzativo e benessere aziendale: in pratica, l’azienda investe sul lavoratore come persona a tutto tondo, cercando di migliorare la sua qualità di vita sia all’interno del posto di lavoro che al di fuori. 


Secondo la normativa, le iniziative di welfare aziendale vanno offerte a tutto il personale o ad alcune categorie di lavoratori.



Welfare aziendale: cosa si intende e che servizi include


I vantaggi del welfare aziendale per aziende e lavoratori


Il welfare aziendale è una scelta vantaggiosa sia per i dipendenti che per l’impresa perché:


  • garantisce un risparmio fiscale per l’azienda

  • migliora la produttività

  • aumenta la brand awareness

  • grazie al benessere aziendale si riduce il numero di dimissioni volontarie

  • integra il reddito del lavoratore

  • a seconda delle iniziative attuate, offre sostegno per le spese mediche, familiari, legate alle attività sportive o di svago

È chiaro, poi, che il benessere lavorativo influisce sul contesto e sul lavoro del team. Dunque, grazie alle politiche assistenziali c’è maggiore disponibilità e aumenta la fedeltà verso l’azienda.



Welfare aziendale: cosa si intende e che servizi include


Come si gestisce il welfare aziendale


Prima di poter pianificare qualsiasi iniziativa orientata al benessere organizzativo è essenziale conoscere meglio i propri dipendenti e valutare che tipo di esigenze abbiano. In questo può aiutarti la app di Qomprendo, lo strumento ideale per studiare le esigenze individuali del personale e contribuire al benessere dell’organizzazione.


Dopo aver analizzato i bisogni delle tue risorse potrai ideare un piano di welfare personalizzato e in grado di offrire i benefit di cui i tuoi dipendenti hanno bisogno: sconti, convenzioni, servizi alla famiglia o alla persona. 


Attuare un piano di welfare è un valore aggiunto per i tuoi dipendenti e per il tuo business. Richiedi ora la tua demo gratuita e inizia a costruire il futuro della tua azienda con Qomprendo.

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page